The End. Berlusconi & Cattelan

Per una strana combinazione capita che la crisi finale del governo Berlusconi, con le dimissioni annunciate del suo leader, l’italiano più famoso nel mondo, cada nei giorni in cui si inaugura al Museo Guggenheim di New York la mostra del più celebre artista italiano, Maurizio Cattelan, dall’emblematico titolo: All. Una coincidenza casuale ma che ci permette di ragionare su cosa è stato il berlusconismo nel periodo che va dalla fine degli anni Ottanta ai nostri giorni guardando il tutto attraverso la specola della mostra newyorkese dell’artista padovano, trasferitosi armi e bagagli, da almeno vent’anni, in America.

 

 

 

Nello spazio spiraliforme dell’edificio progettato da Frank Lloyd Wright, che accoglie le opere dell’artista italiano, queste galleggiano nel vuoto appese a corde. Sculture, installazioni, fotografie, dipinti, lavori su carta, tutte opere realizzate a partire dagli anni Ottanta – l’età d’oro delle televisioni commerciali di Berlusconi – ad oggi, galleggiano nell’aria in un vortice di immagini che colpisce e insieme confonde i visitatori. Il motivo della sospensione è assai presente nell’opera di Cattelan, a partire da una installazione che provocò un vero e proprio choc visivo e di costume nel 2004, quando appese a un albero di una piazza di Milano tre fantocci raffiguranti in forma molto realistica tre bambini. Un’impiccagione che suscitò la risposta negativa di parte della pubblica opinione. Come scrive la curatrice della mostra, Nancy Spector, l'installazione americana rivela un senso di morte che si percepisce nell’intera opera artistica di Cattelan: “Issati per mezzo di una fune, come su una forca, gli oggetti rivelano in maniera esplicita il senso di morte che pervade tutta la sua opera”. Nel suo insieme, scrive nel catalogo dell’esposizione (Maurizio Cattelan, All, a cura di N. Spector, Skira), l’installazione appare come un’esecuzione di massa. La Spector aggiunge: “Più che l’arguta rappresentazione dell’apice di una carriera, la mostra ne esprime la fine”.

 

Questa è la prima curiosa coincidenza, non voluta da nessuno, ovviamente: mentre Silvio Berlusconi lotta con unghie e denti per non uscire di scena, l’artista più significativo di quella che con ogni probabilità verrà chiamata in futuro l’ “epoca berlusconiana”, decreta invece la propria stessa fine. Nell’ultima foto della monografia si scorge Maurizio Cattelan correre via con una pietra tombale sotto braccio, su cui è scritto “The End”. Gioco ironico, ovviamente, perché né Cattelan, né tanto meno il Presidente del Consiglio, si stanno davvero congedando da noi, o almeno non vorrebbero davvero farlo, ma lo fingono solamente. Cattelan poi, dicono i suoi commentatori americani, è già teso verso “una nuova fase post-oggetto, post-azione e post-mostra della sua carriera”.

 

 

Vorrei tornare su quella sospensione, meglio sull’impiccagione. Nell’installazione dei bambini a Milano Cattelan citava tra le altre cose un libro fondativo dell’identità italiana, il più celebre libro della nostra letteratura moderna, Pinocchio di Collodi, dove il burattino (personaggio decisivo per comprendere la nostra storia culturale e il nostro inconscio collettivo) viene impiccato dal Gatto e dalla Volpe all’albero della Quercia grande, e lì oscilla spinto dal vento, morto e vivo a un tempo. L’immagine dell’impiccagione è ben presente nell’immaginario italiano della seconda metà del XX secolo. La fine di Benito Mussolini – l’altro italiano più famoso nel mondo insieme a Berlusconi – fu appeso morto a testa in giù, in segno di disprezzo, in Piazzale Loreto nel 1945, in una sconcia esibizione che rovesciava la sua figura di capo carismatico e corpo sacrale di tutto il ventennio del suo dominio.

 

Questo fantasma – Piazzale Loreto – è stato più volte presente nella fantasia vendicativa di una parte degli italiani, che hanno immaginato in questo modo la fine del potere mediatico e politico di Berlusconi, durato quasi quanto quello di Mussolini, se non di più. Gli avversari del leader del Popolo delle Libertà ritengono che il suo dominio superi la stessa dialettica e alternanza elettorale, configurandosi di fatto come un vero e proprio regime, e immaginano una resa dei conti a Piazzale Loreto. La stessa politica corporale del Capo spinge a simili farneticazioni. E che questa sia una fantasia non solo dei nemici di Berlusconi, ma agisca nelle teste dei suoi sostenitori e di lui stesso è dimostrato da due piccoli fatti reperibili nella cronaca dell’8 novembre, giorno in cui è sta messa in crisi la maggioranza parlamentare che sostiene il Presidente: il riferimento alle lettere di Mussolini a Claretta Petacci, con lui appesa a testa in giù nella piazza milanese, nell’intervista che Berlusconi ha rilasciato telefonicamente al direttore de La Stampa, Mario Calabresi (9 novembre 2011) e nelle dichiarazioni di una giovane parlamentare del PdL, Barbara Mannucci in cui si fa riferimento a Mussolini e all’amante del Duce stessa (“Con lui fino alla fine come Claretta Petacci”, La Repubblica, 9 novembre 2011).

 

 

Ora, che vi sia un rapporto immediato tra le opere sospese nel vuoto della spirale disegnata da F. L. Wright a NY, e la volontà di sospendere, almeno fantasmaticamente, a una fune il corpo di Berlusconi, da parte dei suoi avversari politici – quasi la metà dell’intero paese, se si dà retta ai voti ottenuti dai partiti di opposizione – non è affatto così sicuro. Anzi. Ma c’è tuttavia qualcosa di comune, come una continua allusione o un rinvio che fa riferimento a moti e impulsi inconsci che solo gli artisti sanno cogliere e mettere in luce, senza però mai trasformarli in un teorema o un’affermazione certa. A fare da tramite inconsapevole tra la carriera dell’artista padovano, che culmina con la mostra di NY, e la carriera del tycoon televisivo, nonché uomo politico, sono numerosi segni sparsi nell’opera di Cattelan, che si possono leggere come il corrispettivo, seppur critico, di quello che è stato il berlusconismo nel nostro Paese negli ultimi trent’anni.

 

In questo senso l’opera più emblematica di questo è quella con cui Maurizio Cattelan debutta ufficialmente, se così possiamo dire, sulla scena artistica, dopo un primo inizio spurio come designer-artista: Lessico famigliare. Si tratta di una fotografia dell’artista stesso contenuta in una cornice d’argento in cui posa a torso nudo con le mani disposte sul torace in modo da formare la sagoma del cuore. A parte la citazione di un celebre libro narrativo di Natalia Ginzburg, intitolato appunto Lessico famigliare, non esiste un’opera prodotta in quegli anni, il 1989, anni della caduta del Muro, che rappresenti in modo più efficace l’atmosfera di quell’epoca, i valori e i bisogni espressi dalle televisioni berlusconiane. Non a caso l’89 è l’anno in cui va in onda su rete quattro C’eravamo tanto amati, programma presentato da un imbolsito Luca Barbareschi al suo debutto televisivo (Aldo Grasso), mentre, tra uno spot pubblicitario e l’altro, Canale 5 e le altre televisioni del gruppo mandano in onda diverse trasmissioni dedicate ai sentimenti, all’amore, nella sua versione narcisistica più ostentata. Il narcisismo di massa, per dirla con Lasch, che conquista un paese ex cattolico ed ex comunista, come aveva profetizzato quattordici anni prima Pasolini. Se Cattelan è stato un artista politico, come alcuni sostengono a ragione, è solo nel solco della cultura berlusconiana degli ultimi trent’anni che può essere letta la sua opera, compresa l’“estetica del fallimento” che, secondo la Spector, ne costituisce la più intima vocazione.

 

 

L’insicurezza e la paura del fallimento sarebbero dunque le muse che alimentano la stessa capacità creativa di Cattelan. Non è difficile vedere nella medesima parabola berlusconiana un analogo sentimento della vita e del mondo, per quanto rovesciato nel suo opposto, grazie a un grande sforzo cui hanno collaborato almeno un paio di generazioni di artisti, intellettuali, registi, manager televisivi. Silvio Berlusconi esprime un sentimento di morte che ha appunto nel corpo medesimo il suo campo di battaglia. Un’estetica, la sua, che si è estesa all’intera società italiana trasferendo, sublimando, come si dice in linguaggio psicoanalitico, l’istinto di morte, iscritto, se vogliamo, nella antica cultura precristiana e pagana dell’Italia, in un falso istinto di vita: istinto di morte travestito nel suo opposto, mediante l’esibizione del sesso, del consumo, la felicità continua e apparente dell’Happy end.

 

Maurizio Cattelan, artista ironico, irriverente, che agisce mediante l’uso di tecniche artistiche spurie, mediante l’utilizzo, per quanto distorto e rovesciato, delle tecniche pubblicitarie e del marketing, punteggia tutto questo movimento di trasformazione, di restiling, se non proprio di lifting, dell’intero Paese, rivivendo nelle sue opere più efficaci la caparbia volontà d’occultare il senso di morte che circola sotto le magnifiche sorti e progressive del berlusconismo televisivo, prima, e politico, poi. Da Christmas ’95 con la stella a cinque punte delle Brigate Rosse, trasformata nella stella dei Re Magi, a Bidibidobidiboo (1996), con lo scoiattolo suicidato nella squallida cucina di mobili di formica, l’artista padovano mette in luce il fallimento da cui proviene la stessa società italiana – operaia, contadina, sottoproletaria – e il nuovo fallimento, di cui in questi mesi, autunno del 2011, cogliamo la portata non solo economica, ma anche, e soprattutto, morale e culturale dopo diciassette anni di dominio politico e sociale di Silvio Berlusconi.

 

 

Naturalmente ci sono altre opere degli anni Novanta, e successivi, che mostrano acutamente i cambiamenti in corso, opere dall’evidente contenuto politico come Lullaby (1994), che utilizza le macerie dell’esplosione del Pac di Milano per mano della mafia – episodio oscuro che precede di poco l’avvento al potere di Berlusconi, la sua “discesa in campo” –, e L.O.V.E., la scultura inaugurata nel settembre del 2010 davanti alla sede della Borsa milanese: la mano aperta con le dita mozzate, salvo il dito medio, levata contro la facciata del palazzo che ospita le istituzioni finanziarie italiane. Nel lavoro di Cattelan si alternano opere sul fallimento stesso dell’artista – di lui stesso come artista – e opere che più “politiche”, che si riferiscono alla situazione collettiva dell’Italia, in un pendolarismo di significati che andrebbe ulteriormente sondato (con anche continui scambi tra il “privato” e il “pubblico”).

 

È indubbio che in senso positivo, come in senso negativo, Cattelan punteggia e descrive quello che è stata l’Italia nel corso degli ultimi decenni. Per quanto il suo sguardo di artista sia sempre rivolto alla realtà dell’arte e del mercato internazionale, resta tuttavia pur sempre un artista profondamente italiano, con padri e nonni iscritti nell’album del Bel Paese, da Piero Manzoni a Pasolini, da Collodi a Berlusconi medesimo. In questi decenni trascorsi egli ha seguito l’agenda del presente, la medesima agenda che il Presidente del Consiglio, prima in veste di capo del network televisivo più importante del Paese e poi in quella di esponente del partito di maggioranza, ha dettato all’intera Italia. Cattelan è stato, se così si può dire, il suo simmetrico, alternando ironia e tragedia, comicità e dramma. Ha intelligentemente preso e spostato ogni movimento più o meno consapevole che lo sviluppo del berlusconismo ha prodotto nel corpo stesso dell’Italia. Il corpo, appunto, del Capo, corpo liftato, stirato, manipolato, trapiantato, ne è stata la metafora vivente più efficace, cui Cattelan ha contrapposto immagini alternative, ma anche descritto in modo ironico il suo movimento più intimo. Un perfetto artista dei nostri anni, artista profondamente drammatico, che ha anticipato e a volte seguito i movimenti e gli spostamenti progressivi della realtà italiana.

 

I feticci appesi al Guggenheim di NY raccontano la storia recente meglio di un libro aperto, proprio perché, come è tipico dell’arte, non ci forniscono spiegazioni, ma indicano e suggeriscono, suggestionano e fanno pensare, divertono e lasciano sorpresi. Sono appunto feticci, non opere vere e proprie, perché questo è il grande pregio e insieme il limite della sua arte: indicare il mondo in cui viviamo, descriverlo e insieme giocarlo (il gioco come realtà infantile, attività senza scopo e senza senso, a perdere). Un’arte del presente, non del futuro.

 

 

Tra quei feticci potrebbe benissimo pendere un pupazzo realistico di Silvio Berlusconi, un suo alias o replicante perfetto, nel momento della sua caduta che è anche, a suo modo, il momento del suo trionfo. Anche lui potrebbe allontanarsi come fa Maurizio Cattelan con la pietra sottobraccio su cui è scolpita la dicitura di Fine. Un congedo che è anche un arrivederci, perché non sarà facile liberarsi di lui, dei veleni che ha inoculato in vent’anni nelle vene del Paese. Cattelan ci ha avvisati, e con l’esposizione americana ci invita a guardare avanti, al di là dei stessi feticci appesi alle corde, immagini di un’arte che muore, e forse risorge altrove. Cosa che non è consentita ai politici, sia quelli appesi sia a quelli usciti in punta di piedi dalla porta laterale. Il resto si vedrà. Buon viaggio Maurizio. Buon viaggio Presidente.

 



Tags dell'articolo:



Articoli correlati

Arbasino parla di Pasolini
Marco Belpoliti

Pattini a rotelle. Gino De Dominicis lai... Michele Dantini

La sinistra al mento
Claudio Franzoni

Nanda Vigo: l'intellettuale dello s... Francesca Picchi

Heiner Goebbels: un festival d'arte... Rossella Menna

Pornotopia
Marco Belpoliti

La canotta
Marco Belpoliti

Il sopravvissuto
Marco Belpoliti

Contro il Giorno della Memoria?
Marco Belpoliti

Per scrivere un commento occorre aver letto e accettato le nostre Norme per la comunità.

comments powered by Disqus
Commenti: 19

low Gio, 10/11/2011 - 08:55

Bellissimo Cattelan, e bellissimo Berlusconi.

Butterfly hunter Gio, 10/11/2011 - 09:38

Un'analisi che scorre lucida. Bellissimo parallelo. Ho sempre pensato che Cattelan fosse un formidabile pubblicitario dell'arte. Messaggi puntuali per target allargatissimi. E, in questo senso, Berlusconi mi pare il politico più pubblicitario della storia, o il pubblicitario più politico. Mi trovo perfettamente d'accordo sul fatto che l'arte di Cattelan sia fatta di brillante ironia sul nostro modo di vivere e che valga come testimonianza del presente. In questo Cattelan dimostra sensibilità e grande intelligenza. Non sono pronto a riconoscere a SB né la prima, né la seconda. O meglio, né lo stesso tipo di sensibilità emozionale, né lo stesso tipo di intelligenza giocosa e innocente. (pur se coscientemente toccante e drammatica).
Egli mi appare piuttosto impersonificazione nel mondo reale di un'opera di MC, un messaggio pubblicitario, un fumetto, un giocoliere, un comico, un pagliaccio. (Con tutta l'ironia carica di dramma del pagliaccio). SB è un politico del presente, del suo presente, certo non del futuro.
Berlusconi con il suo culto del corpo (declinato in immagine, piacere, godimento, buonumore) ha saputo venderci l'amore patinato, ci ha indottrinati di messaggi mediocrizzanti, ci ha venduto la felicità in pillole e ci ha servito "fast sex" per condire le nostre cene. Non TV spazzatura: TV strumento di propaganda e proselitismo.
C'è un'ovvia intelligenza in questo, che precede appena di qualche misura il suo rovescio, l'intelligenza appesa in piazzale Loreto a testa in giù. Perché l'intelligenza sarebbe guardare un poco oltre il proprio naso. E ben lo sa Cattelan che ne ha uno davvero lungo. Sarà questa la differenza?
(Ovviamente l'unico dito non mozzato in L.O.V.E. è il medio (correggo l'ovvio lapsus di MB), solo perché non essendo nella raccolta di immagini accluse, non si pensi a quell'opera come un monito (indice sollevato), ma come l'irriverente gesto che rompe le maglie della censura e sfugge persino all'ipotesi di istigazione a delinquere, proprio perché le altre dita sono mozzate e il gesto risulta obbligato. L.O.V.E.: LIBERTA', ODIO, VENDETTA, ETERNITA'.)
BH

gianni biondillo Gio, 10/11/2011 - 15:16

Bel pezzo. Cattelan è autore raffinato e tragico. (penso, per dire, a "All" del 2008. 9 sculture in marmo bianco di Carrara che ho visto alla Punta della Dogana).
Diffidate di chi diffida di lui.

Luca Rossi Ven, 11/11/2011 - 02:29

suggerisco intervista a cattelan durante allestimento di All, con somiglianza sospettosa tra fantocci di cattelan e massimo tartaglia (attentatore di berlusconi):

http://whitehouse.splinder.com/post/25718999/la-rivoluzione-siamo-noi

Luca Ven, 11/11/2011 - 12:27

Rossi, lo si sa che è la realtà a imitare l'arte...

Luca Rossi Ven, 11/11/2011 - 14:43

La realtà che imita l'arte? Ba, cosa vuol dire? Le persone che imitano l'arte? Non mi sembra proprio. Il punto è lo sguardo che si ha sulla realtà. "Vedere per saper progettare" diceva Munari. Il punto è questo "vedere". Ecco che forse non si tratta di creare un nuovo progetto, una nuova opera d'arte, ma si tratta di guardare in modo più attento la realtà. Ed ecco che proprio mentre Cattelan teneva la sua mostra milanese, con dito annessso, pochi giorni prima, in piazza duomo un suo fantoccio lanciava un piccolo duomo. Io non sono il curatore di niente, ho solo "curato" la visione attraverso una semplice selezione di immagini.

luca rossi

Luca Ven, 11/11/2011 - 15:02

Non le persone, Rossi, ma la "realtà". Concetto filosofico.
Le immagini sono immaginazioni. Saper vedere non significa vedere la realtà. Filosofia.
Lei vede quello che vuol vedere. L'importante è farlo vedere a noi. Farcelo immaginare.

Luigi F. Ven, 11/11/2011 - 18:52

Sono d'accordo con Luca Rossi. Anche se stiamo parlando di Duchamp: in fondo il ready made è un buon progetto per guardare diversamente la realtà. Luca Rossi decide che Massimo Tartaglia sia un'opera di Cattelan? Come se Tartaglia fosse un ready made? Forse no, nel senso che Rossi si limita a selezionare delle immagini ed infondere il dubbio. Lo stesso dubbio che pervade la contaminazione tra realtà e fiction. Questa ambiguità nasce dalla coincidenza, che non si sa se essere tale o meno. Un po' come quando Rossi prega ogni giorno e poi va a rintracciare una linea nelle immagini postate sul web:

artribune.com/2011/04/non-mi-interessa-luca-rossi-in-se-ma-luca-rossi-in-me/

Luca Rossi Ven, 11/11/2011 - 18:57

@Luca: credo che ci sia uno scambio tra realtà ed arte. Non riesco a capire quale sia il punto interessante.

Sicuramente la rappresentazione della realtà è abbastanza satura. Quindi questa rappresentazione va posta in fibrillazione; semmai giocando con le 5 variabili del giornalismo (chi, dove, quando, come, perchè). Ed ecco che fra realtà e sua rappresentazione inizia ad esserci una fibrillazione che forse ci dice molto di quello che c'è intorno all'arte.

Cy Twombly : ( silenzio )
“La gente non vuole più fare il pubblico, né l’allievo, vuole entrare nella cosa, ossia sente che c’è già dentro.”

Igor P Gio, 17/11/2011 - 18:10

In effetti, Berlusconi è stato un grande artista; come, d'altra parte, Cattelan è stato un grande imprenditore. Ma la domanda che ti pongo, Marco, è: Cattelan - se vuoi Cattelan con la sua arte - è più politico o impolitico? Tu come lo 'senti'? Questo potrebbe essere importante, se volessimo capire fino in fondo la simmetria che hai tracciato.
Che a me, per quel che conta, è sembrata molto buona.
Igor P.

Marco Belpoliti Gio, 24/11/2011 - 21:59

Arte politica, certo, Igor. Ma quale non lo è in Italia dai tempi di Giotto passando per Sironi? Morandi no? Boetti e Paolini sì? Cucchi e la Transavanguardia sì o no?E poi i giovani artisti delle ultime leve, invece sì? Una bella questione. Ma io non sono un critico d'arte. Tocca loro a dirlo. Meglio: spiegarlo con dovizia di dettagli. Intanto su il Manifesto in una recente intervista Cattelan, preoccupato di apparire troppo politico, seppur inconsapevolmente, cerca di trasformare le opere pendenti in opere ascendenti. Un altro gioco linguistico? Tutte belle questioni.

Federico De Leo... Ven, 03/02/2012 - 19:41

Ti stimavo Biondillo per il coraggio che hai dimostrato quando hai scritto sull’area Enel, ma l’imperfetto è d’obbligo dopo aver letto la tua affermazione su Cattelan. Diffida pure di me e incita gli altri ad imitarti. Cattelan è solo un produttore di boutades, nemmeno troppo intelligenti: non ci vuol molto a capire l’aderenza del personaggio al momento attuale, la sua spregiudicatezza nella fotografia del reale. Ma questo è arte? La fotografia della realtà è arte? Come se Mozart fosse solo il settecento o Borromini il seicento: quest’ultimo non è Pietro da Cortona o la Roma dei papi risorta con la Controriforma, Borromini è il movimento nell’immobilità statica dell’Architettura, (qualcosa che, insieme con mille altre considerazioni che ho avanzato su questa rivista, -vedi il mio “Un punto di partenza” - riguarda il giudizio da dare sulle torri di recente costruzione a Milano): il tentativo di muovere la massa, il peso, (inevitabili, che tirano a terra), con la forma. Che del resto non è altro che l’impronta dell’anima, dell’immaginario collettivo. Cattelan è il disprezzo della forma personificato, quindi il disprezzo dell’anima. Ereditato direttamente dal Grande Illuminista, alias Marcel Duchamp. Sono quindi d’accordo con Luca Rossi e il dubbio se sia la realtà a imitare l’arte o il viceversa lo scioglierei dicendo che la seconda è tale solo se trascende la prima: trascendere significa andare oltre, dopo averla vista bene (Munari). E il dito di Cattelan o i suoi bambini appesi lo fanno (scomodare Collodi per tanta banalità!)? vedi tu Biondillo.
Quanto al parallelo delineato da Belpoliti tra Cattelan e Berlusconi direi che è esatto, ma sempre con la precisazione che il primo ha ben poco a che vedere con l’arte: è questa che mi preme difendere ora. Però mi viene in mente il titolo di un libro di Zavattini: “Parliamo tanto di me”. Parliamo tanto di Berlusconi e di Cattelan e ce li avremo sempre sul collo. Parliamo d’altro per favore e diffidate pure di me.

Vito Bianco Ven, 06/04/2012 - 13:53

Leggo con notevole ritardo l'analisi di Belpoliti. Mi pare che il punto centrale sia la parola "feticcio". Il critico (che molto apprezzo) ha un dubbio e si chiede se quelle di Cattelan siano opere o, appunto feticci. E proprio nella categoria di feticcio le due carriere - di Cattelan e di Berlusconi - trovano un sicuro punto di contatto: il primo ha trasformato l'opera in un feticcio spettacolare ad uso del mercato; il secondo ha "feticizzato" lo spazio della politica, facendo valere il corpo mascherato contro il realismo del logos, cioè della realtà. Entrambi in effetti giocano un disperato gioco con il tempo, con la sua biologica inarrestabilità. Questo gioco non è che un esorcismo: il primo con nonchalance mercantile la mette in scena; il secondo "virilmente" la nega esibendo le presunte conquiste e tornando sempre al punto: il fallo. Tutt'e due sono infine la prova vivente della profezia di Debord, che nel 1967 descriveva una società nella quale ogni discorso di verità ha definitivamente lasciato il posto ai fantasmi dell'apparenza spettacolare.

Luigi Mer, 15/08/2012 - 03:30

Leggo questo commento con altrettanto ritardo. Ma siamo così sicuri che Cattelan non faccia altro che mettere in scena feticci commerciabili? A me pare francamente una lettura un po' troppo rozza persino come un mero spunto polemico. Andiamo, si può cercare di essere meno apodittici e apocalittici, a volte.

Anonymous Mar, 27/11/2012 - 12:45

la realizzazione delle sedicenti opere d'arte di Maurizio Cattelan (a partire dai tre bimbi impiccati ) stanno a dimostrare che l'arte non esiste più.
Nello spazio spiraliforme dell’edificio progettato da Frank Lloyd Wright l'attualità conferma l'inesistenza della realzzazione artistica, ancor più l'incapacità degli artisti attuali di realizzare immagini, dipinti, sculture che testimonino la qualità del tratto artistico. La spirale di Cattelan è il cimitero di non opere fatte con mani incapaci.
L'attualità ha perso la capacità del tratto e del segno artistico. Si baratta l'arte con attività di ricerche. Tali non opere non possono essere considerate il termine di un percorso. Gli artisti attuali non arrivano alla conclusione dei propri lavori.

Daniela Mar, 27/11/2012 - 15:11

Come può essere definito artista un uomo che riduce gli animali a oggetto...

Anonymous2 Mar, 27/11/2012 - 15:18

Anonymus1 vivi nel secolo passato
Aggiornati

Anonymous3 Mer, 09/01/2013 - 17:39

Caro Anonymous1 , Anonymous ha perfettamente ragione, non è una questione di aggiornamento già la parola "aggiornato" inquieta, è questione che troppi artisti sono oggettuali, autoreferenziali, gossippari, ma soprattutto incapaci di produrre alcunchè con le mani. Perdonami ma se io mi autofotografo con la polaroid mentre faccio pipì contro un albero, come Wolfgang Tillmans, artista "importantissimo" e ahimè "famosissimo", secondo te, divento artista anche io ? E' ora di tornare a una qualche forma di perizia, anche nell' arte.

Alessandro Sterzi Mer, 09/01/2013 - 18:10

"Il talento fa quello che vuole, il genio fa quello che può. Del genio ho sempre avuto la mancanza di talento." C.B.

© 2017 doppiozeroISSN 2239-6004Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate