Demolire la memoria: la casa natale di Niccolò Paganini a Genova

Niccolò Paganini nacque a Genova nel 1782 in un antico quartiere popolare nel cuore della città (denominato a Cheullia) che costeggiava le mura del Barbarossa (XII secolo). Questo rione nel ‘900 fu oggetto di una radicale operazione di restyling urbano, in epoca fascista con la creazione di Piazza Dante sotto il coordinamento di Marcello Piacentini (il grattacielo da lui progettato, Torre Piacentini, fino al 1952 fu il più alto d’Europa), e alla fine degli anni’60 con una modifica del piano regolatore che sacrificò definitivamente l’antico quartiere per dare vita a un nuovo centro direzionale (Centro dei Liguri). Le imponenti demolizioni colpirono anche, nel 1971, la casa natale di Paganini in Passo Gattamora 38. Nel luogo anonimo che sorse intorno ai moderni palazzi della Regione, i Giardini Baltimora, ribattezzati dai genovesi “Giardini di plastica” e presto diventati luogo principe del consumo di eroina, l’amministrazione mantenne in un muro la lapide commemorativa dettata dal poeta Anton Giulio Barrili (Alta ventura sortita da umile luogo / in questa casa / il giorno XXVII / di ottobre dell'anno / MDCCLXXXII / nacque / a decoro di Genova e delizia del mondo / Nicolò Paganini / nella divina arte dei suoni insuperato maestro). 

 

 

In seguito, dal momento che il sito era poco frequentato, un comitato di cittadini fece erigere a poca distanza, in Piazza Sarzano, una nuova lapide, realizzata sul modello delle locali “colonne infami” che esponevano alla pubblica e perenne vergogna i traditori della patria (A vergogna dei viventi e a monito / dei venturi come usava ai tempi / della gloriosa Repubblica di Genova / dedichiamo questa / “colonna infame” / all'avidità degli speculatori / e alle colpevoli / debolezze / dei reggitori della nostra città). In questo caso i traditori della patria, e delle patrie glorie, con sarcastica inversione, sono gli amministratori della città, colpevoli di avere privilegiato l’interesse degli speculatori a quello della storia culturale di Genova e della sua valorizzazione. Ricordando le più famose parole attribuite al violinista (“Paganini non ripete”), la nuova iscrizione si chiude con una citazione di Liszt, a rammentare amaramente che anche la memoria, quando viene politicamente demolita, è cosa difficile da recuperare: “non ci sarà mai più un secondo Paganini”.



Tags dell'articolo:



Articoli correlati

L'occhio dilatato di David Bowie... Tiziano Bonini

Bowie è risorto su una stella nera
Daniele Martino

Per Enzo Jannacci
Umberto Fiori

Poesia e compassione
Rossella Menna

David Robert Jones. In the centre of it... Davide Sapienza

Coppie. Ettore Sottsass e Fernanda Pivan... Marco Belpoliti

Nel secolo di Alzheimer
Marco Belpoliti

Ludwig Josef Johann Wittgenstein
Marco Belpoliti

René Burri e il sigaro di Che Guevara... Marco Belpoliti

Per scrivere un commento occorre aver letto e accettato le nostre Norme per la comunità.

comments powered by Disqus

© 2017 doppiozeroISSN 2239-6004Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate